Morire conviene se lavori in Google!

Ho fatto una “battutaccia” ( scritta nel titolo) e chiedo scusa, ma la notizia riportata ( e cito la fonte Ansa) ha un qualcosa di veramente rassicurante, come dire… fa sentire meno soli, no?

Google non abbandona i suoi dipendenti nemmeno dopo la morte. Il colosso di Mountain View ha rivelato alla rivista Forbes di concedere alle famiglie dei lavoratori defunti il 50% del loro salario per dieci anni. Inoltre e’ previsto un assegno di 1.000 dollari al mese per i figli fino al compimento dei 23 anni, e benefit in azioni per il coniuge.

”Ovviamente non c’e’ alcun vantaggio per l’azienda – ha spiegato Laszlo Bock, manager delle risorse umane di Google – ma e’ importante per noi aiutare le famiglie in un momento cosi’ difficile”. I benefici vengono garantiti al partner del defunto anche se la coppia e’ omosessuale.

A questo punto inutile chiedersi “come mai Google è diventato un colosso…”, forse perchè lì i cervelli funzionano? A dire il vero funzionano bene anche qui ( da mè), qualcuno forse è riuscito ad accorgersene?

 

Lascia un commento